Newsletter 4/2015

Formato pdf Logo pdf

In evidenza

images_scadenza

Bando ERC-2016-COG
Ambito: Excellent Science di Horizon 2020
Topic: European Research Council – Consolidator Grant
Scadenza: 02 Febbraio 2016

Link: http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/opportunities/h2020/topics/erc-2016-cog.html

Si segnala l’apertura [15 Ottobre 2015] del bando ERC-2016-COG nell’ambito dell’azione ERC Consolidator Grant [CoG].

L’obiettivo principale del Programma ERC è di sostenere attività di ricerca di eccellenza con approccio bottom-up, potenziando il dinamismo e la creatività della ricerca europea di frontiera supportando progetti di ricerca ad alto rischio condotti da Principal Investigators [PIs] con curricula di rilievo a livello internazionale.

I progetti devono essere presentati da un singolo ricercatore [Principal Investigator] congiuntamente all’Istituzione ospitante.

Il budget messo a disposizione dalla Commissione Europea per questa scadenza è di 605 M€.

L’importo massimo dei grants è di 2 M€ per un periodo di 5 anni.

Il contributo comunitario corrisponde al 100% dei costi diretti sui quali viene riconosciuta una quota del 25% a copertura delle spese generali sostenute dall’Istituto, in conformità all’Art. 6.2 del Model Grant Agreement.

Diversamente da quanto fissato nel precedente Work Programme dell’ERC, ai bandi potranno partecipare anche i ricercatori che avevano sottomesso proposte nell’ambito del WP 2015 ottenendo, al termine del secondo step, la valutazione B [La proposta incontra alcuni ma non tutti i criteri di eccellenza dell’ERC e non sarà finanziato].

Principal Investigator
L’azione Consolidator Grant [CoG] è destinata a ricercatori che hanno ottenuto il dottorato da più di 7 anni e fino a 12 anni al 1° Gennaio 2016. Per il calcolo del periodo di cui sopra potranno, tuttavia, essere tenute in considerazione particolari casistiche quali, per esempio, i congedi per maternità o paternità.

Il richiedente deve essere in grado di vantare un curriculum che includa diverse pubblicazioni importanti in qualità di primo autore sulle principali riviste scientifiche internazionali peer-reviewed.
Saranno oggetto di valutazione anche inviti a conferenze riconosciute a livello internazionale, brevetti conseguiti, conferimenti e premi ricevuti, ecc.

Al Principal Investigator, di norma, sarà assegnato un contratto di lavoro presso l’Organizzazione ospitante almeno per la durata del progetto finanziato. Casi particolari dovranno essere debitamente giustificati. Un accordo integrativo tra il Principal Investigator e l’Istituto ospitante dovrà, inoltre, essere stipulato per la regolamentazione dei diritti e delle obbligazioni delle parti.

Host Institution
L’Istituzione ospitante deve essere un’entità legale situata in uno degli Stati membri dell’UE o in uno dei Paesi associati.

I grant agreements saranno sottoscritti dalla CE e dall’Istituzione ospitante, la quale sarà responsabile della realizzazione del progetto. Al Principal Investigator dovrà essere garantita la supervisione delle attività di ricerca.

Si ricorda infine che le proposte vengono valutate in base al solo criterio dell’eccellenza scientifica da commissioni internazionali di esperti.

Italia

L’Italia aderisce al brevetto unitario europeo
Ambito: Unione Europea – brevetti
Link: http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=OJ:JOL_2015_256_R_0011&from=EN

Lo scorso 30 Settembre, la Commissione Europea ha ratificato la partecipazione dello Stato italiano alla cooperazione per l’istituzione di un brevetto unitario a livello europeo.

L’adesione all’accordo offre agli stati membri aderenti la protezione delle invenzioni su tutto il territorio europeo, un protocollo unico che permette la riduzione dei costi per la registrazione, la traduzione ed il deposito del brevetto. Sarà, inoltre, garantita una maggiore sicurezza giuridica, grazie ad un sistema unico e centralizzato per la composizione dei contenziosi.

Il pacchetto disciplina così il brevetto unitario a livello europeo e l’area di intervento di un Tribunale unificato brevetti competente in materia, e dovrebbe essere operativo entro la fine del 2016.

Si ricorda che l’Istituto ha recentemente disciplinato la materia brevetti in ambito INFN con l’emanazione del Disciplinare per la tutela, lo sviluppo, la valorizzazione delle conoscenze dell’INFN del 23 Aprile 2015.

Regione

Convenzione operativa Regione Veneto – Veneto Innovazione Spa
Ambito: Regione Veneto
Link: http://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=306926

La Regione Veneto per la promozione della ricerca e dell’innovazione in favore di reti innovative regionali e delle imprese si avvale della società in house Veneto Innovazione Spa. Lo scorso 15 settembre, la Giunta Regionale ha rinnovato la relativa convenzione operativa fissando le aree di intervento di cui si riportano alcuni punti:

Politiche regionali per l’innovazione
Le iniziative saranno volte ad ottenere l’accesso diretto ai fondi nazionali ed europei, con particolare riferimento alla promozione di partnership e alla conseguente partecipazione a progetti di cooperazione concernenti i programmi quadro di ricerca e innovazione tra cui i Programmi Horizon 2020, COSME o alle azioni di coordinamento e supporto ERANET.

Sarà, inoltre, svolta attività di monitoraggio sugli strumenti e sulle attività di ricerca, innovazione e internazionalizzazione delle imprese e dei centri di ricerca della Regione Veneto con particolare riferimento alla Strategia di Specializzazione Intelligente e al Piano Strategico Regionale per la ricerca scientifica, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione.

Servizi per l’innovazione
Sarà favorita la sinergia tra le imprese, i distretti industriali e le reti innovative regionali, con i centri di ricerca e le Università presenti sul territorio regionale. Si continuerà a supportare le attività di trasferimento tecnologico ai fini della valorizzare del patrimonio di relazioni e attività già presenti.

Assistenza tecnica
Attraverso la piattaforma “Innoveneto.org” si promuoveranno le innovazioni tecnologiche ed i servizi sviluppati dai Centri per l’Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico [CITT] e dalle imprese venete, al fine di mettere a disposizione degli stakeholder pubblici e privati il patrimonio di dati e informazioni che consentano di ottenere maggiore efficacia delle azioni di trasferimento tecnologico in ambito regionale.

Europa

Europa

Bando MSCA-ITN-2016 [MSCA-ITN-ETN]
Ambito: Excellent Science di Horizon2020
Topic: Marie-Sklodowska-Curie Actions – Innovative Training Networks
Scadenza: 12 Gennaio 2016
Link: http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/opportunities/h2020/topics/2056-msca-itn-2016.html

Si ricorda l’apertura [15 Ottobre 2015] del bando MSCA-ITN-2016 [MSCA-ITN-ETN] nell’ambito delle Azioni MSCA [Marie Skłodowska-Curie Actions], a supporto della formazione di giovani ricercatori mediante l’inserimento in progetti di ricerca attuati da partenariati europei composti da università, istituti di ricerca, PMI…

Budget complessivo: 317 M€.

Open positions

lavoro

PostDoc presso l’Università di Twente [NL]
Scadenza: 30 Novembre 2015
Link: https://www.utwente.nl/en/organization/careers/vacancies/!/vacature/523573

L’Università di Twente, Enschede [Paesi Bassi], offre una posizione post-doc per ricercatori con esperienza nelle tecniche di deposito e film sottili.

La facoltà di Scienze e Tecnologie, presso la quale il ricercatore svolgerà l’attività lavorativa, si occupa di ricerche in fisica applicata e tecnologie mediche. I campi di applicazione includono scienze dei materiali e nanotecnologie, tecnologie dei processi ed energie sostenibili.

E’ richiesto il dottorato in fisica, scienze dei materiali, chimica fisica o ingegneria.

L’attività prevede la preparazione di film sottili mediante tecniche di sputtering e lo studio delle loro proprietà elettriche, ottiche e strutturali.
La ricerca sarà, inoltre, effettuata in stretta collaborazione con altri soggetti industriali ed accademici.

Per la retribuzione e le condizioni lavorative sarà applicato il contratto collettivo di lavoro [CAO] delle Università olandesi. E’ previsto un compenso lordo mensile tra i € 2.977 ed i € 3.908 in rapporto all’esperienza e alle qualifiche  del ricercatore.

Per maggiori informazioni sul contratto di lavoro offerto, si rimanda al seguente sito  https://www.utwente.nl/en/organization/careers/employment-conditions/

Ricercatore in fisica nucleare o particellare presso ILL [Francia]
Scadenza: 29 Novembre 2015
Link: https://www.ill-recruits.eu/generator.php?id=274

L’Institut Laue-Langevin [ILL], Grenoble [Francia], offre una posizione lavorativa come ricercatore in fisica presso la Divisione Ricerca, in particolare quale co-responsabile in progetti di ricerca basati sull’utilizzo di neutroni [UCNs e VCNs].

Il candidato dovrà essere in possesso del dottorato, preferibilmente in fisica nucleare o particellare, con appropriata esperienza nello sviluppo di strumentazioni e approfondita conoscenza in fisica delle basse energie.

L’applicazione dovrà includere l’elenco delle recenti pubblicazioni e presentate almeno tre referenze.

Essenziale un’ottima conoscenza della lingua inglese e francese. Per quest’ultima sono previsti eventuali corsi gratuiti presso l’ILL.

Il contratto di lavoro offerto ha durata triennale con possibilità di rinnovo per un ulteriore biennio.

Il compenso include un importo tra i € 427 ed i € 672 per mobility allowance per trasferimento e oneri familiari.

Per maggiori informazioni sulle condizioni di lavoro, si rimanda al seguente sito http://www.ill.eu/en/careers/working-at-the-ill/employment-conditions/

Altre News

ENI AWARDS 2016
Ambito: Concorso internazionale
Scadenza: 20 Novembre 2015
Link: http://www.eni.com/eni-award/ita/bandi.shtml

Ogni anno ENI, società energetica internazionale, pubblica gli ENI Awards, bandi di concorso finalizzati a sostenere le attività scientifiche nell’ambito delle energie rinnovabili, nonché a valorizzare le nuove generazioni di ricercatori.

Si evidenziano in particolare:

Premio Debutto nella ricerca
Ha lo scopo di sostenere le nuove generazioni di ricercatori, supportando le loro ricerche ed innovazioni inerenti le tematiche promosse da Eni Award. Vengono premiate due tesi di dottorato di ricerca svolte in Università italiane con riferimento ai temi delle energie rinnovabili e della protezione dell’ambiente. Le tesi devono essere state discusse presso Università nell’anno stesso o in quello precedente la data del bando. La partecipazione è riservata a giovani fino all’età di anni trenta. Il premio, in denaro, è previsto essere di € 25.000.

Premio Protezione dell’ambiente
Ha lo scopo di promuovere l’innovazione tecnologica nel campo della tutela e del ripristino ambientale. Premia il ricercatore o gruppo di ricercatori che abbiano conseguito rilevanti risultati di ricerca e sviluppo nell’ambito delle interazioni tra attività umane e ambiente naturale, con riferimento ad approcci sia di tutela che di risanamento ambientale. I risultati devono essere stati conseguiti nel corso del quinquennio precedente la data del bando. Il premio, in denaro, è previsto essere di € 200.000.

Il termine ultimo per la presentazione delle candidature è il 20 Novembre 2015; l’accreditamento presso il sito di Eni Award dovrà avvenire entro il 13 Novembre 2015.

I bandi di concorso ed i moduli per la presentazione delle candidature sono disponibili all’indirizzo web di cui sopra.